All'Università di Yale alcune opere prodotte al Centro Diurno Luvino

Il professor Gianni Emilio Simonetti collabora, da diversi anni, con la Psichiatria del Verbano. In particolare, all'Ospedale di Luino ha contribuito alla creazione del Laboratorio di Artiterapie che ancora conduce con competenza e passione insieme all’educatrice Alessandra Lamanna nel Centro Diurno “Luvino” , coordinato dal Dott. Michele Zara e afferente al Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze dell’Asst Settelaghi, diretto dal Dott. Isidoro Cioffi.

Recentemente, considerata la rilevanza assunta da tali approcci riabilitativi, alcune opere realizzate proprio all'interno dell'Atelier sono state aggregate al fondo di Simonetti nella Beinecke Rare Book & Manuscript Library, il principale archivio di opere letterarie, manoscritti e libri di letteratura, teologia, storia e scienze naturali dell’Università americana di Yale.

A proposito di tale esperienza, il prof. Simonetti sottolinea: "All'interno dell'Atelier vengono analizzati i processi di riabilitazione, la cui importanza è in crescita negli ultimi anni, attraverso lo studio di linguaggi sperimentali e di ricerca nell'ambito della comunicazione visuale e dei linguaggi della forma con i partecipanti dell’attività”.

La storia di Gianni Emilio Simonetti affonda le sue radici nelle esperienze avanguardistiche della seconda metà del ‘900. Esponente del Situazionismo italiano e protagonista del movimento Fluxus, artista e teorico è anche curatore di rassegne (come la regia di performance e concerti Fluxus a Ca’ Corner della Regina a Venezia su invito della Fondazione Prada) incentrate su ambiti e tematiche alla base della propria formazione, dal concettuale alle performance studies (teatro, musica, arti visuali, avant-garde expression) al valore del linguaggio.

E' Professore presso il Politecnico e lo IED di Milano.

Autorizzazione del Tribunale di Varese n. 745 del 5/7/97
Direzione redazione amministrazione: viale Borri 57, 21100 Varese tel. 0332 278.222 fax 0332 261.440
Direttore responsabile: Francesca Mauri