Presa in carico delle patologie croniche

Regione Lombardia ha pensato ad un nuovo percorso di cura per le persone con malattie croniche che eviterà loro di dover provvedere personalmente a prenotare le visite e gli esami che la loro patologia richiede.

L'obiettivo è garantire un migliore accesso alle cure.

In particolare, da gennaio chi soffre di ipertensione, diabete o altre malattie croniche riceverà una lettera che gli proporrà di aderire a questa opportunità. Il cittadino sarà invitato a scegliere il suo 'gestore', ovvero il suo riferimento principale per la cura della sua patologia.

Il gestore potrà essere un medico di Medicina generale, un’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) come la nostra o un'altra struttura sanitaria accreditata.

Ricevuta la lettera, se il paziente sceglie la nostra ASST come 'gestore', gli verrà fissato un appuntamento  per la sottoscrizione del Patto di Cura, con cui si conferma la propria adesione al nuovo percorso assistenziale, e un ulteriore appuntamento per la compilazione del Piano Assistenziale Individuale, sinteticamente denominato PAI. 

Il PAI riassume il percorso di cura che il paziente cronico dovrà seguire: indicherà, sulla base dello stato di salute del paziente, i controlli a cui dovrà sottoporsi nell'anno. Il PAI infatti, così come il Patto di Cura, ha validità annuale.

A quel punto, il paziente sarà ufficialmente inserito nel nuovo percorso di cura e non dovrà più preoccuparsi di fissare appuntamenti e visite previste per la sua patologia cronica: tutto avverrà automaticamente sotto la supervisione dei nostri medici che seguiranno passo passo il suo percorso, condividendo gli esiti degli esami ed intervenendo laddove dovessero emergere delle particolari necessità.

 

Scarica qui la brochure, la locandina e guarda il video sui vantantaggi del nuovo percorso di cura per il paziente cronico.

Autorizzazione del Tribunale di Varese n. 745 del 5/7/97
Direzione redazione amministrazione: viale Borri 57, 21100 Varese tel. 0332 278.222 fax 0332 261.440
Direttore responsabile: Francesca Mauri